Sfratti e trasferimenti immobiliari sospesi fino al 30.06.2021

Il Consiglio dei Ministri con il “decreto milleproroghe” ha così stabilito: sfratti e trasferimenti immobiliari sospesi fino al 30.06.2021.

Il Governo ha in effetti prorogato per un ulteriore periodo di sei mesi la sospensione delle procedure esecutive relative agli sfratti e ai trasferimenti di immobili oggetto di pignoramento.

Questa si aggiunge a quella precedentemente adottata che bloccava ogni azione esecutiva relativa ad immobili oggetto di sfratto o pignoramento fino al 31.12.2020.

La misura non è ritenuta soddisfacente dagli addetti ai lavori.

In particolare sono rimasti delusi la categoria dei proprietari e le relative associazioni rappresentative, che si fanno portavoce delle critiche avanzate contro questo provvedimento.

In effetti, la proroga della sospensione non tiene conto delle difficoltà dei proprietari stessi. Questi ultimi, non solo non ricevono il pagamento dei canoni, ma si vedono costretti anche a pagare le tasse, in particolare l’IMU.

Il Governo, tra le misure contro la crisi derivante dal COVID, avrebbe potuto adottare azioni a favore anche dei proprietari immobiliari. Avrebbe potuto disporre la sospensione del pagamento delle tasse, ovvero creare un fondo per ristorare i mancati incassi.

Non va dimenticato che molti proprietari considerano il canone di locazione come una parte rilevante dei propri redditi percepiti nell’arco dell’anno. Non aver considerato che non tutti i proprietari possono contare su un patrimonio rilevante, giustifica il disappunto nei confronti del Governo.

Il decreto Milleproroghe stabilisce: “La sospensione dell’esecuzione dei provvedimenti di rilascio degli immobili, anche ad uso non abitativo è prorogata sino al 30 giugno 2021 limitatamente ai provvedimenti di rilascio adottati per mancato pagamento del canone alle scadenze e ai provvedimenti di rilascio conseguenti all’adozione, ai sensi dell’articolo 586, comma 2, c.p.c., del decreto di trasferimento di immobili pignorati ed abitati dal debitore e dai suoi familiari. 15. All’articolo 54 – ter del decreto – legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, le parole “fino al 31 dicembre 2020” sono sostituite dalle seguenti: “fino al 30 giugno 2021”.

Di conseguenza, anche i decreti di trasferimento di immobili pignorati sono sospesi per ulteriori sei mesi.

Alla luce del testo del decreto in esame, molte critiche continueranno contro il Governo ma rimane la decisione adottata: Sfratti e trasferimenti immobiliari sospesi fino al 30.06.2021.

In considerazione di quanto sopra, a conferma delle problematiche evidenziate, va ricordato invero che molte proprietà sono il frutto di sacrifici o comunque di rilevanti investimenti. In mancanza di liquidità anche queste persone si troveranno nei prossimi mesi in forti difficoltà.

Pur comprendendo, il periodo di grave e anomala crisi, si auspicano ulteriori interventi da parte del Governo a favore di tutte le persone in difficoltà con provvedimenti ad ampio raggio.

Stante la sussistenza continua di problematiche economiche, il nostro studio è a disposizione per chiarimenti, informazioni o esigenze di tutela. Visitate il nostro sito o contatteci.

 

 


info@cplegal.eu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: