Assistenza legale Aste giudiziarie immobili e Saldo e stralcio immobiliare

Lo Studio C&P Legal offre consulenza ed assistenza sia per le procedure delle aste giudiziarie che per quelle del saldo e stralcio immobiliare.

I servizi garantiti dallo studio – per l’assistenza  legale in aste giudiziarie – sono sia quelli di consulenza preliminare (per la partecipazione a: Aste giudiziarie, Saldo e stralcio immobiliare), sia quelli di assistenza diretta con diretta partecipazione dei consulenti alle rispettive procedure.

Aste giudiziarie. Saldo e stralcio immobiliare

L’attività è indirizzata sia a debitori (pignorati o sovraindebitati), sia a potenziali investitori.

– ASSISTENZA LEGALE ASTE GIUDIZIARIE

Le aste giudiziarie è la procedura con cui il tribunale, competente della trattazione di una azione esecutiva immobiliare o di un fallimento, dispone la vendita forzata di uno o più immobili, o beni mobili registrati, di proprietà del debitore assoggettato all’esecuzione o al fallimento. Lo scopo è di procedere alla relativa liquidazione ed ottenere conseguentemente le somme di danaro utili a soddisfare, in tutto o in parte, i creditori intervenuti nel procedimento.

Le aste possono essere con modalità differenti in relazione a quanto previsto dal tribunale. Può avvenire secondo modalità telematiche, o con le modalità ordinarie, attraverso la vendita “con incanto” o “senza incanto”.

La vendita con e senza incanto

La vendita senza incanto viene adottata per i beni immobili. I partecipanti devono presentare le loro offerte in busta chiusa (comprensiva della cauzione determinata nel 10% dell’offerta) nei termini e con le modalità indicate nell’avviso. Le offerte non possono essere inferiori al prezzo base stabilito dal giudice o dal professionista delegato alla vendita. In caso di più offerte valide, il giudice o il delegato alla vendita non dispone l’aggiudicazione diretta a favore di chi ha formulato l’offerta più alta. Piuttosto indice una gara fra tutti i partecipanti, con la base delle offerte che è costituita dall’importo indicato nell’offerta più alta.

La vendita “con incanto” viene disposta qualora la vendita “senza incanto” sia andata deserta. In questo caso il giudice dispone una nuova asta con le modalità di gara pubblica  tra offerenti. La stessa si conclude nel momento in cui siano trascorsi almeno tre minuti dall’ultima offerta e nessuno abbia effettuato un rilancio.

Nel caso dei beni mobili, il giudice può adottare anche la vendita a trattativa privata.

Nella vendita senza incanto l’offerta è immediatamente impegnativa per chi la presenta; non è quindi possibile revocarla e, se si è l’unico offerente, si è obbligati all’acquisto; in caso di rifiuto si perde la cauzione. L’aggiudicazione fatta in udienza è definitiva.

Nel caso in cui il prezzo di aggiudicazione non raggiungesse la base d’asta la legge prevede la possibilità di formulare l’istanza di assegnazione per ottenere l’aggiudicazione fuori asta del bene.

PROCEDURA E MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE ALLE ASTE GIUDIZIARIE

Le vendite giudiziarie dei beni immobiliari oggetto di esecuzione immobiliare o procedure fallimentari e concorsuali sono effettuate dal Tribunale, o in alternativa da professionisti delegati notai, avvocati o commercialisti (Legge 3 agosto 1998, n. 302).

Tutti possono partecipare all’acquisto di immobili sottoposti a pignoramento o fallimento, con l’eccezione del debitore esecutato o fallito (art. 579 c.p.c.).

Se l’offerente non vorrà o potrà partecipare fisicamente all’udienza, dovrà farsi rappresentare da un terzo a mezzo di procura speciale notarile.

Nel caso infine in cui l’offerente, nella sua offerta, non voglia rivelare il proprio nome (cd. offerta per persona da nominare), riservandosi di comunicarlo solo entro 3 giorni dopo l’aggiudicazione avvenuta, dovrà servirsi di un avvocato (art. 583 c.p.c.).

Le modalità della vendita, nonché le caratteristiche e al descrizione del cespite o dei cespiti immobiliari sono contenute nell’ordinanza di vendita.

Nell’ordinanza di vendita, il cui contenuto viene riprodotto e ribadito nell’avviso di vendita, il tribunale riporta tutte le notizie determinanti per la partecipazione all’asta.

In particolare il giudice specifica le seguenti informazioni: la descrizione dei beni in uno o più lotti; il prezzo base dell’incanto; il giorno e l’ora dell’incanto; l’ammontare della cauzione; la misura minima dell’aumento delle offerte; il termine non superiore a 120 giorni dall’aggiudicazione, entro il quale il prezzo deve essere depositato e le modalità di deposito (art. 581 c.p.c.).

I vari steps delle aste e i nostri servizi di assistenza

L’offerta di partecipazione all’incanto deve essere depositata nella Cancelleria del Tribunale, o alla segreteria del Delegato o Curatore.

La domanda è presentata in busta chiusa, senza che all’esterno sia indicato il nome dell’offerente (art. 571 c.p.c.). E’ invece identificato chi materialmente la consegna. Gli assegni sono inseriti all’interno di essa unitamente all’offerta descritta su foglio in carta da bollo.

L’offerta presenta un contenuto fortemente specifico e formale e, quindi, onde evitare esclusioni è sempre raccomandato affidarsi a professionisti esperti.

Il nostro studio ha maturato significative esperienze nel mondo delle aste e dri pignoramenti immobiliari e fornisce assistenza legale completa o a fasi. 

Contattaci per ricevere maggiori informazioni. 

– ASSISTENZA LEGALE NEL SALDO E STRALCIO IMMOBILIARE

Il nostro studio fornisce assistenza legale, oltre che nelle aste giudiziarie, anche nella fase di pre-asta.

Questa è anche denominata attività di saldo e stralcio immobiliare.

Il saldo e stralcio è una procedura utilizzata per ridurre un debito con un creditore (generalmente un Istituto di Credito). L’obiettivo è definire la posizione debitoria della persona versando in accordo con il creditore una somma inferiore di quanto ancora rimane da pagare, evitando di giungere fino all’asta.

Il Saldo e Stralcio può avere riflessi anche in ambito Immobiliare quando si va ad operare per l’appunto con gli immobili oggetto di pignoramento o con il pericolo di essere assoggettati ad una procedura esecutiva.

L’obiettivo è inserirsi in una procedura esecutiva immobiliare allo scopo di evitare che l’immobile venga venduto all’asta, raggiungendo un accordo con i creditori per estinguere il debito. Tali operazioni possono essere eseguite anche nei casi di fallimenti, con modalità di svolgimento più complesse ed articolate.

Nella procedura del “saldo e stralcio immobiliare” ci sono tre posizioni da dover tenere presenti e tre ordini di esigenze da dover soddisfare.

La prima quella del creditore che vanta un credito; la seconda quella del debitore che rischia di perdere la casa all’asta con l’ulteriore pericolo che pur subendo l’espropriazione forzata dell’immobile potrebbe anche non eliminare il debito perché magari sussiste un residuo con l’eventualità di ulteriori azioni esecutive future a suo danno; il terzo e ultimo, l’investitore interessato all’acquisto di un immobile a condizioni favorevoli dal punto di vista economico.

Perché conviene il saldo e stralcio immobiliare?

Tale procedura viene definita WIN-WIN perché ha l’obiettivo di soddisfare – e far vincere – tutti i soggetti coinvolti.

Il creditore vince attraverso il soddisfacimento di un credito, sì ridotto, ma comunque conseguito in tempi relativamente brevi, eliminando una posizione debitoria che sussiste da tempo (i cd. crediti incagliati).
Il debitore vince perché pur perdendo la casa ha la possibilità di giungere ad un accordo che può comportare l’estinzione totale del debito, la conclusione rapida della vicenda e in alcuni casi anche una liquidità a suo favore se riesce a giungere ad un accordo con il terzo ” investitore”.
Quest’ultimo ottiene la vittoria aggiudicandosi – senza concorrenza diretta – una casa a prezzo sicuramente ridotto e senza passare attraverso la fase dell’asta immobiliare durante la quale potrebbero esserci dei rialzi che portano ad un aumento del prezzo.

***

INFORMAZIONI E CONTATTI

Per informazioni sul servizio di assistenza legale in aste giudiziarie e sul tema “Aste giudiziarie immobili. Saldo e stralcio immobiliare”, contattaci cliccando qui oppure leggi questo articolo “Casa pignorata cosa fare? Evita l’asta“.

Per informazioni su assistenza legale nel settore immobiliare Clicca qui

Serve aiuto? Richiedi maggiori informazioni o un preventivo personalizzato

    Ho letto ed accetto l'informativa sul trattamento dei miei dati personali consultabile qui

    info@cplegal.eu